Caratteristiche specifiche

MENU
LOGIN

altre graminacee   ► singole specie di leguminose   ► singole specie di altre erbe


Poa dei prati

Poa pratensis

In sintesi

  • Graminacea foraggera produttiva e pregiata, sfruttabile abbastanza intensivamente sulle superfici destinate al pascolo, dal fondovalle fino in alta montagna. Assieme al loglio inglese, è la graminacea più importante dei nostri pascoli, specialmente laddove il primo fatica a crescere perché sfavorito dalle condizioni pedoclimatiche.
  • Una volta installata, forma una fitta cotica erbosa, diventando vieppiù competitiva e impedendo la diffusione delle malerbe (è un buon esempio di pianta tappabuchi particolarmente gradita).
  • Dà il nome all’associazione vegetale definita prato-pascolo a poa dei prati e loglio inglese.

Immagini aggiuntive

Torna Su


In dettaglio

Morfologia e habitus

  • Tappezzante, grazie ai suoi lunghi stoloni ipogei.
  • I fusti, rotondi e lisci, possono essere da corti a mediamente lunghi (≠ dalla poa comune).
  • Pannocchia ben formata. Spighette prive di resta. Fiorisce tardi e in estate. Le foglie basali sono piegate (prefogliazione conduplicata), robuste e rigidamente erette.
  • Foglie di colore verde scuro, margini fogliari paralleli, glabre, a volte molto lunghe. Lamina con doppia scanalatura centrale (tracce di sci) e apice fogliare a punta di barca (≠ dalla poa comune).
  • Ligula corta e tronca (≠ dalla poa comune).
  • Lunghi stoloni ipogei. 

Longevità e sviluppo

  • Perenne. Si moltiplica soprattutto per via vegetativa.
  • Nell’anno di semina presenta uno sviluppo giovanile molto lento e rischia di essere soffocata dalle altre piante presenti. Riesce ad affermarsi solo dopo 3-4 anni. 

Esigenze pedoclimatiche

  • Dal fondovalle fino al piano alpino superiore.
  • Diffusa su suoli da siccitosi a bagnati. Presente anche in luoghi sfavorevoli alla crescita dei logli.
  • Sopporta bene anche lunghi periodi d’innevamento.
  • Predilige suoli ricchi di elementi nutritivi. 

Gestione e modifica della cotica erbosa

  • Va sfruttata intensivamente, preferibilmente alternando sfalcio e pascolo o tramite il solo pascolo. Non si deve falciare troppo vicino al suolo. Necessita di apporti regolari di liquame. Va seminata in superficie (semente di piccola taglia). 

Valore foraggero

  • Fornisce foraggio foglioso e pregiato. Produttiva.
  • Il calpestio favorisce il suo sviluppo. Adatta allo sfalcio-pascolo intensivo. Assicura una cotica erbosa fitta e persistente, molto resistente al calpestio.
  • Meno concorrenziale del loglio inglese. 

Impiego nelle miscele foraggere

  • Varietà testate e raccomandate vengono utilizzate in miscele di lunga durata destinate ad essere seminate in condizioni sfavorevoli allo sviluppo dei logli, nonché in miscele per trasemine. La resistenza alla ruggine è un criterio selettivo importante.
  • Sono disponibili varietà selezionate in Svizzera.

Torna Su