Caratteristiche generali

MENU
LOGIN

Caratteritiche generali

In sintesi

  • Costituiscono l’ossatura della produzione foraggera di prati e pascoli.
  • Sono decisive nell’assicurare rese elevate e idoneità allo sfruttamento della cotica erbosa.
  • Le specie tappezzanti formano una cotica erbosa fitta, ne migliorano la portanza e agevolano il pascolo.
  • Se giovani, le graminacee foraggere assicurano un foraggio di buona qualità e con un rapporto equilibrato tra energia e proteine. Con l’invecchiamento la qualità del foraggio scade rapidamente, a causa del rapido aumento del tenore in fibra grezza.
  • Durante la fienagione le perdite meccaniche sono limitate.
  • Le graminacee foraggere sviluppano, per lo più, un apparato radicale superficiale che le rende esigenti in fatto di approvvigionamento idrico e nutritivo.
  • Ne esistono molte specie e varietà, sia nelle superfici prative permanenti sia in quelle temporanee e intercalari.

In dettaglio

Morfologia e habitus

  • Foglie strette.
  • Apparato radicale superficiale.
  • Determinate specie formano cespi, altre, grazie ai loro stoloni, una cotica tappezzante più o meno estesa, mentre altre ancora formano sia cespi sia cotiche fitte, a seconda della situazione. 

Crescita e sviluppo

  • I loro periodi ottimali di crescita sono la primavera e, in parte, l’autunno.
  • Alla prima crescita primaverile, la maggior parte delle graminacee forma fusti fioriferi che assicurano una resa foraggera elevata, ma di modesta qualità. I fusti fogliosi delle successive ricrescite sono di qualità migliore.
  • Si approvvigionano con molta difficoltà d’acqua ed elementi nutritivi negli strati profondi del suolo. 

Importanza nella cotica erbosa

  • Sono le principali responsabili della formazione della cotica erbosa, nonché le più importanti componenti della resa.
  • Alcune specie hanno un ruolo decisivo nella formazione di cotiche fitte e portanti. 

Valore foraggero

  • Il loro foraggio possiede tenori energetici e proteici equilibrati.
  • I contenuti più elevati per unità di resa si registrano solo allo stadio giovanile.
  • Dopo la spigatura, la qualità e l’appetibilità del foraggio scadono rapidamente a causa del rapido aumento del tenore in fibra grezza. La velocità d’invecchiamento varia tra specie e specie. 

Valore ecologico

  • Alcune specie sono fonte di nutrimento per insetti (alcuni ormai rari) e altri piccoli invertebrati. 

Particolarità

  • Non tutte le graminacee sono desiderabili dal punto di vista agronomico. Le specie gradite si definiscono graminacee foraggere, mentre quelle sgradite graminacee indesiderate, infestanti o malerbe

Importanza come piante indicatrici

  • Le diverse specie di graminacee, presenti nei prati e nei pascoli, dal fondovalle al piano alpino, danno indicazioni sulle condizioni pedoclimatiche e gestionali locali.

Torna Su