MENU
LOGIN

Leguminose

Assieme alle graminacee, le leguminose comprendono le più importanti specie erbacee che caratterizzano la foraggicoltura svizzera. La loro presenza contribuisce ad accrescere il tenore proteico e a migliorare l’appetibilità del foraggio prodotto sulle superfici prative, siano esse permanenti (prati e pascoli distribuiti dal fondovalle alla regione alpina), temporanee oppure intercalari.

Generalità

Analogamente alle graminacee, le leguminose, in quanto appartenenti ad un'unica famiglia botanica, presentano elementi distintivi propri piuttosto uniformi.

Vengono, in particolare, descritti i seguenti aspetti:

  • la loro principale particolarità, cioè la capacità di fissare l’azoto atmosferico in forma utilizzabile per il proprio sviluppo;
  • i loro stadi di sviluppo;
  • le esigenze pedoclimatiche, la gestione e il valore foraggero delle loro principali specie di interesse foraggero.

Nei prati e pascoli permanenti, le condizioni pedoclimatiche locali e il tipo di gestione sono fattori decisivi affinché una determinata leguminosa cresca bene, cresca con difficoltà o non cresca del tutto.

Leguminose di prati e pascoli permanenti

Specie agronomicamente più importanti


Specie poco significative dal punto di vista produttivo

Per le superfici prative temporanee, come pure per gli erbai intercalari, si utilizzano sia leguminose tipiche dei nostri prati e dei nostri pascoli permanenti sia specie di leguminose di origine esotica. La scelta, che ricade quasi sempre su specie e varietà selezionate, dipende dalla durata di sfruttamento della cotica erbosa, dall’impiego del foraggio e dallo scopo dell’inerbimento.

Leguminose di prati e pascoli temporanei

Specie più importanti delle miscele foraggere


Specie poco utilizzate o poco significative dal punto di vista produttivo

Leguminose degli erbai intercalari

Specie più importanti delle miscele foraggere


Specie poco utilizzate o poco significative dal punto di vista produttivo


La composizione botanica delle superfici prative dev’essere controllata e valutata periodicamente. A tal fine, occorre saper riconoscere con sicurezza non solo graminacee e altre erbe, ma anche le leguminose che fanno parte della cotica erbosa. In questo ambito, non basta essere capaci di riconoscerle durante la fioritura, ma è essenziale saperle determinare anche quando si trovano allo stadio vegetativo.

Riconoscere e determinare le leguminose


Il contenuto di sostanze nutritive di una pianta foraggera cambia in continuazione tra la ripresa vegetativa e la maturazione dei semi. Questa variazione di valore foraggero, di grande importanza agronomica, si può descrivere con buona precisione riferendosi agli stadi che caratterizzano lo sviluppo della pianta.
Qui di seguito, si definiscono e illustrano gli stadi di sviluppo delle leguminose foraggere.

Stadi di sviluppo delle leguminose

Torna Su