Caratteristiche specifiche

MENU
LOGIN

altre graminacee   ► singole specie di leguminose   ► singole specie di altre erbe


Coda di cane

Cynosurus cristatus

In sintesi

  • Specie resistente al calpestio, di buon valore foraggero e presente sui pascoli collinari e montani sfruttati in modo da poco a mediamente intensivo.
  • Nelle zone dove il loglio inglese fatica, o non cresce del tutto, assume una certa importanza in qualità di suo sostituto, nel caso si voglia praticare uno sfruttamento intensivo. Bisogna, però, fare attenzione nei pascoli molto intensivi, perché diventa poco concorrenziale.
  • Dà il nome all’associazione vegetale definita pascolo a coda di cane o cinosureto.

Torna Su


In dettaglio

Morfologia e habitus

  • Forma piccoli cespi dotati di corti stoloni ipogei.
  • Fusto rigido sormontato da una pannocchia spiciforme. Spighette prive di resta, disposte su un asse dell’infiorescenza con forma a zigzag. Fiorisce in estate.
  • Foglie glabre, di colore verde-scuro, lamina superiore con scanalature profonde, orecchiette assenti.
  • Ligula aderente al fusto, solitamente provvista di dentini laterali prominenti.
  • Giovane foglia piegata (prefogliazione conduplicata). Base dei getti giallo-bruna (≠ dal loglio inglese). 

Longevità e sviluppo

  • Perenne, ma ogni tanto deve potere disseminare.
  • Nell’anno di semina, il suo sviluppo giovanile è lento. 

Esigenze pedoclimatiche

  • Dal fondovalle fino al piano subalpino.
  • Diffusa soprattutto sui pascoli e ad altitudini elevate.
  • Tollera male i periodi siccitosi. Sopporta bene gli inverni normali.
  • Prospera su suoli moderatamente provvisti di elementi nutritivi, sopporta le liquamazioni.

Gestione e modifica della cotica erbosa

  • Sopporta bene il pascolo.
  • Sfalci di pulizia troppo frequenti ne compromettono la persistenza. Pertanto, sui pascoli dove le malerbe non sono un problema, i residui del pascolo vanno lasciati sul posto onde permetterne la disseminazione.
  • Predilige terreni mediamente concimati (concimi aziendali). 

Valore foraggero

  • Le foglie assicurano un foraggio nutritivo e vengono pascolate volentieri. I fusti, piuttosto rigidi, restano in gran parte sul pascolo fino all’autunno, quando vengono infine brucati.
  • Specie non particolarmente produttiva. 

Valore ecologico

  • Fonte alimentare per le larve di varie specie di lepidotteri. 

Impiego nelle miscele foraggere

  • Miscele di lunga durata adatte al pascolo e miscele per prati da sfalcio in altitudine: varietà racomandate (è disponibile una varietà selezionate in Svizzera).
  • Miscele per prati da sfalcio ricchi di specie: ecotipi locali.

Informazioni aggiuntive